News > Dieta x 2 Effetto a catena

DIETA X 2 EFFETTO A CATENA

Così come pare che il matrimonio faccia ingrassare, è anche vero che per le coppie sposate, quando un coniuge partecipa al trattamento per perdere peso, anche il coniuge non trattato potrebbe dimagrire, con un effetto a catena.

Lo riporta uno studio americano in cui 130 pazienti in coppia sono stati randomizzati o a una dieta controllata (n = 65) o a gruppo di controllo, ovvero questi ultimi hanno ricevuto una dispensa di 4 pagine con informazioni sulla sana alimentazione , l’esercizio fisico e le strategie di controllo del peso (ad esempio una dieta a basso contenuto calorico, a basso contenuto di grassi e il controllo delle porzioni), ma sono stati lasciati a cercare di perdere peso da soli (n = 65). Tutti i partecipanti sono stati valutati a 0, 3 e 6 mesi. I criteri di inclusione erano:

- età ≥ 25 anni
- BMI da 27 a 40 kg / m2 (≥ 25 kg / m2 per i partners non trattati)
- nessuna controindicazione alla perdita di peso.

I rispettivi conviventi non hanno ricevuto cure.

Eppure, i coniugi non trattati hanno perso peso a 3 mesi e 6 mesi senza differenza se il partner fosse trattato con la dieta o si autogestisse le scelte alimentari.

Complessivamente, il 32,0% dei coniugi non trattati ha perso ≥ 3% del peso corporeo iniziale in 6 mesi!

Il peso basale era significativamente correlato all'interno delle coppie (r = 0,26; P <0,01) come lo erano le pendenze delle curve di perdita di peso (r = 0,52; P <0,001).

Questo studio suggerisce che il peso e il cambiamento di peso all'interno delle coppie conviventi è altamente interdipendente e i programmi che stimolano salute e benessere hanno effetti che vanno oltre l'individuo trattato: quando una persona cambia il suo comportamento, le persone intorno a lui cambiano.

Le linee guida AHA / ACC / TOS 2013 per la gestione del sovrappeso e dell'obesità negli adulti (Circ. 2014, 129: S102-S38) raccomandano una perdita di peso del 3% per ottenere benefici misurabili sulla salute e in entrambe le condizioni questo criterio è stato raggiunto nel 32% dei coniugi non trattati.

Questo studio parla dell'effetto a catena nelle coppie conviventi ma probabilmente lo stesso effetto potrebbe essere visto nei bambini (figli) che sono meno indipendenti sia nell’acquisto che nella preparazione del cibo.

È sempre vero che i pazienti sono più complianti nella gestione del peso quando hanno persone di sostegno intorno a loro, che si tratti di un loro coniuge, partner, familiari o anche amici e colleghi.

 
Autori: AA. Gorin, EM. Lenz, T Cornelius,T Huedo-Medina, AC. Wojtanowski, GD. Fost
Fonte: Obesity. doi:10.1002/oby.22098


 

Per offrirti il migliore servizio possibile questo sito utilizza cookies. Cookie Policy - Privacy Policy